“World Zapping”, Racconti di viaggio di Roberta e Fabio

Oggigiorno conoscere persone con i propri interessi è molto facile grazie ai social network; con twitter ho potuto fare amicizia con due splendide persone, amanti dei viaggi ed attenti viaggiatori, Roberta e Fabio.

Sto leggendo in questi giorni il loro libro uscito in formato digitale dal titolo “World Zapping” e ne ho approfittato, anche per conoscerli meglio, di fargli alcune domande.

Si chiamano Roberta Melchiorre e Fabio Bertino e per prima cosa gli ho chiesto di raccontarmi un po’ della loro vita…

R&F – “Come battuta, per spiegare qualcosa di noi, potremmo dirti che ci consideriamo un po’ un “incoraggiamento vivente” a viaggiare! Infatti, quando raccontiamo le nostre esperienze in giro per il mondo, ad esempio in alcuni paesi africani, nella tundra siberiana o nei deserti del Centro Asia, spesso chi ascolta ci guarda come dei pazzi o degli incoscienti. In realtà, invece, siamo due persone assolutamente nella media, facciamo entrambi un lavoro sedentario e non siamo particolarmente allenati e nemmeno troppo coraggiosi. Perciò, se i viaggi di cui si parla in “World zapping” li abbiamo fatti noi, li possono davvero fare tutti! Basta solo un po’ di spirito di adattamento, e naturalmente sentire dentro di sè la voglia di scoprire qualcosa del fantastico mondo che ci circonda”.

e cosa mi dite della passione dei viaggi? com’è nata?

R&F – “L’amore per il viaggio è un aspetto che ci ha accomunato fin dal primo momento. Già prima di conoscerci avevamo “vagato” un po’ qua e là ognuno per conto proprio, e quando ci siamo conosciuti, ormai qualche annetto fa, abbiamo scoperto che, per una incredibile coincidenza, stavamo tutti e due progettando di visitare il Perù. Così ci siamo andati insieme, e da allora non ci siamo più fermati. Sono poi venuti i viaggi in Asia, quelli in Africa (che è una nostra grande passione), nell’Europa orientale, l’Australia e la Russia, dove siamo tornati così tante volte e abbiamo così tanti amici che è ormai diventata quasi una seconda casa. E per il futuro abbiamo tutta l’intenzione di continuare! Anzi, proprio in queste settimane stiamo organizzando il prossimo itinerario, che ci porterà in treno da Gibuti all’Etiopia. Il treno è infatti secondo noi il mezzo più affascinate per spostarsi, per incontrare le persone e scoprire un paese, e lo usiamo ogni volta che ci è possibile. E al treno sono legati alcuni dei nostri ricordi più belli, come il viaggio da Venezia ad Istanbul attraverso ex Jugoslavia e Bulgaria, quello da Mosca a Vladivostok o quelli da Adelaide a Darwin e da Pechino a Mosca. Non per caso, dopo “World zapping”, stiamo preparando un secondo ebook proprio di racconti di viaggi in treno”.

Per quanto riguarda il vostro modo di viaggiare, come lo preparate? come lo “studiate”?

R&F – “Preparando un viaggio cerchiamo sempre di trovare il giusto equilibrio tra la programmazione prima della partenza e la possibilità di improvvisare una volta sul posto. In modo da non trovarci troppo vincolati, ma nemmeno andare allo sbaraglio. Quindi, in genere, decidiamo due o tre località principali in cui fare tappa, cerchiamo di avere informazioni dettagliate sulle possibilità di spostamento nel paese, e poi per il resto ci organizziamo in loco. E, soprattutto, approfittiamo delle occasioni impreviste! Qualche anno fa, ad esempio, alla manifestazione torinese di “Terra Madre”, grazie al fatto che Roberta parla russo, abbiamo conosciuto un simpatico signore siberiano che l’anno successivo, quando con la Transiberiana siamo arrivati ad Ulan Ude nelle vicinanze del Lago Bajkal, ci ha ospitato alcuni giorni a casa sua. Tra l’altro si trattava di un Buriato, e questo ci ha permesso di conoscere dall’interno la cultura del popolo dei Buriati, che è una delle più affascinati della Siberia”.

com’è nata l’idea di scrivere un ebook?

R&F – “World zapping” è nato, in realtà, dai diari di viaggio che abbiamo sempre scritto per noi, per cercare di fissare ricordi, luoghi, immagini. Rileggendoli ci siamo resi conto che i passaggi da cui traspariva maggiormente l’emozione del viaggio erano sempre quelli in cui scrivevamo delle persone incontrate. In alcuni casi, più che pagine di un diario privato, sembravano già dei racconti veri e propri, per cui una volta ne abbiamo inviato uno ad un concorso letterario. E lo abbiamo vinto. Così è nata l’idea dell’ebook, proprio per condividere con altri alcuni degli incontri indimenticabili che ci sono capitati.

E infatti quelli di “World zapping” sono soprattutto racconti di incontri, perché anche per noi vale quello che ha scritto Pino Cacucci: “da ogni viaggio sono tornato con il ricordo di qualcuno più che di qualcosa”.

qual’è il vostro rapporto con i social network?

R&F – “Utilizziamo i social network più conosciuti, cercando per quanto possibile di usarli senza farcene travolgere… Parlando sul serio, non c’è dubbio che anche nell’ambito del turismo, inteso nel senso più generale, la rete e le sue applicazioni abbiano aperto possibilità immense, dalle quali crediamo non si possa più prescindere. In particolare poi, dal nostro punto di vista di viaggiatori indipendenti, è oggi molto più semplice organizzare un itinerario, trovare informazioni, contatti e così via. Anche in paesi in cui, solo fino a pochi anni fa, era quasi impossibile senza essere sul posto. E questo ci invoglia a viaggiare ancora di più! “

  Ragazzi, vi ringrazio molto per la disponibilità a raccontarvi per Life’s a Journey!

Il libro è molto ben scritto ed interessante, sicuramente mi darà spunti per i miei viaggi futuri…
L’ebook è disponibile su tutti i principali store, al link:
http://www.goware-apps.com/worldzapping-racconti-di-viaggio-roberta-melchiorre-e-fabio-bertino/

 

 

@genrico@

Vagabondo per natura, cittadino del mondo,appassionato di viaggi,reportage,fotografia, cultura asiatica e tibetana. Pagina ufficiale pubblica su facebook: https://www.facebook.com/lavitaeunviaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.