Tso Moriri, il dono sacro per il pianeta vivente!

In una conferenza tenutasi in Nepal nel 2010 l’area del Lago Tso-Moriri è stata definita e preservata come “dono sacro per il pianeta vivente”…con questa definizione “stampata” in testa mi accingo a visitare il lago e un senso di assoluto rispetto per tutta l’area mi accompagnerà per i 2 giorni di permanenza.

Per raggiungere quest’angolo di paradiso terrestre, che dista circa 220Km da Leh e si trova nella Rupshu Valley ad una altitudine di 4.595m, ci vogliono circa 7-8 ore da Leh, in straordinari ed incantevoli paesaggi di alta montagna.

Lungo il percorso è possibile avvistare gli asini selvatici (kiang), marmotte, yak ed incontrare campi tendati dei pastori nomadi con i loro greggi di capra pashmina.

Sono sufficienti 2 giorni per visitare i due laghi,il più piccolo Tso-Kar e lo Tso-Moriri informandovi (e contrattando) con una delle molte agenzie di Leh, che vi farà avere anche l’Inner Line Permit (permesso obbligatorio).

E’ importante fare questa escursione quando sarete ben acclimatati in quanto bisogna superare il Taglang-La Pass a 5.359m!

Il lago viene alimentato da sorgenti che discendono dalle montagne dell’altopiano del Changthang ed è lievemente salato con una lunghezza di 20Km ed una larghezza,nel suo punto maggiore, di 8km.

Tra le montagne che lo fiancheggiano abbiamo il Lungser Kangri (6.666m) ed il Chanmser Kangri (6.622m).

L’unico centro abitato è il piccolo villaggio di Karzok che si trova a 500m dalla sponda del lago in una posizione molto bella e suggestiva; in questo villaggio vi consiglio di pernottare nella piccola ed accogliente guesthouse (con ottimi pasti) lasciando perdere i campi tendati che si trovano vicino alle sponde.

Nel villaggio vi è un monastero (Gompa di Karzok) venerato da più di 300 anni che fa parte del lignaggio dei DrukPa e che ospita una comunità di circa 30 monaci; affascinante la statua di Buddha Shakyamuni.

Al ritorno molto bella l’escursione all’altro lago Tso Kar (4.531m) che si trova a circa 30km dalla Manali-Leh, a 160Km da Leh, con le sue sponde bianche dovute al sale; come fauna vi si trova la Gru dal collo nero e molte pernici tibetane.

Il WWF indiano sta conducendo enormi sforzi per la conservazione dell’area e la promozione della tutela della natura e protezione ambientale..mi raccomando di non lasciare rifiuti in giro..è un dono tutto questo e spetta a noi preservarlo!

 

Tso Moriri

Tso Moriri

Tso Moriri

Tso Moriri

Tso Kar

Tso Kar

Karzok

Karzok

Karzok Gompa

Karzok Gompa

Tso Moriri

Tso Moriri

@genrico@

Vagabondo per natura, cittadino del mondo,appassionato di viaggi,reportage,fotografia, cultura asiatica e tibetana. Pagina ufficiale pubblica su facebook: https://www.facebook.com/lavitaeunviaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.